Perchè i bei libri sono come una tazza di cioccolata calda,

inebrianti ed avvolgenti ….

domenica 31 luglio 2016

COME SOPRAVVIVERE AI COMPITI DI MATEMATICA

COME SOPRAVVIVERE AI COMPITI DI MATEMATICA

Quanti di noi hanno detestato la matematica da studenti? 
Quanti, hanno riscoperto lo stesso odio da adulti, dovendo assistere figli/nipotini/cuginetti nei compiti? 
Che cos’è la linea dei numeri? Come spiegare le sottrazioni? Cosa significa “Contare i quadrati per calcolare l’area”?
Ci vorrebbe un libro capace di dare tutte le risposte…

La matematica, si sa, può essere uno scoglio difficile durante gli anni scolastici, e una volta cresciuti le cose si complicano ulteriormente, se ci si trova a dover spiegare a bambini piccoli concetti studiati vent’anni prima, con sistemi del tutto diversi.
Matematica per mamme e papà di Rob Eastway e Mike Askew nasce proprio con lo scopo di aiutare i genitori a familiarizzare con metodi di studio differenti, fornendo anche le basi per un ripasso dei fondamenti della materia. 
In questo volume vengono affrontato in modo semplice e chiaro molti degli argomenti toccati dai bambini tra le elementari e le medie. 
Se in apparenza può sembrare una lettura poco piacevole, lo stile incisivo, gli esempi concreti e le spiegazioni precise punto per punto, aiutano ad arrivare alla fine con facilità, dando anche un senso di maggiore chiarezza. 
Comunque, al di là delle nozioni tecniche, gli autori tengono molto a sottolineare l’importanza del giusto atteggiamento; lamentarsi di non essere capaci o sostenere che siano nozioni inutili non aiuta il bambino ad applicarsi con serenità, senza contare che molte professioni di alto livello (programmatore, architetto) richiedono una buona padronanza della matematica. 
Affrontarla con serenità, cercando di rendere il tutto piacevole e divertente, ecco il segreto per sconfiggere il "mostro" e scoprire che, in fondo, non era nemmeno così spaventoso. 
Ely

sabato 30 luglio 2016

SULLE NOTE DELL'AMORE...



SULLE NOTE DELL'AMORE


Patrick ha sempre creduto nei suoi sogni. 
Tanto, da lasciare l’Italia appena diciannovenne per trasferirsi negli Stati Uniti seguendo il suo primo grande amore, con la speranza di diventare un compositore affermato.
Purtroppo però, sogni e realtà non sempre coincidono…


I romanzi di Federica Leva hanno indubbiamente un grande pregio: l’essere spiazzanti.
Iniziando Animato con fuoco si potrebbe pensare di avere tra le mani un Romance leggero come ce ne sono tanti… niente di più sbagliato. 
Con uno stile raffinato, quasi etereo, unito a un approccio che va dritto al sodo (evitando di dilungarsi in dettagli inutili), Federica costruisce un intreccio solido, particolare, descrivendo molto bene emozioni, azioni e sentimenti dei protagonisti. 
Chiunque abbia studiato musica non potrà non rivedersi in Patrick; nel suo amore per lo strumento, nelle sue paure, nei suoi sacrifici… perché chi ha tentato questa carriera sa cosa vuol dire dover vivere tra aule di Conservatorio e sessioni di esercizi. 
Animato con fuoco però non è solo un inno all’amore per la musica classica, ma anche all’amicizia e alla fiducia reciproca espresso chiaramente dal rapporto tra Patrick e Jessie, pieno di zone d’ombra, ma allo stesso tempo saldo e incrollabile nel tempo. 
Se già in Echi delle terre sommerse nulla era stato lasciato al caso, qui ci troviamo di fronte a un romanzo pianificato e scritto con grandissima cura. 
Volendo gli si potrebbe trovare un unico difetto: alcune situazioni vengono lasciate un po’ in disparte per dare il massimo risalto ad altre, ma si tratta di un’imperfezione trascurabile, in un lavoro praticamente perfetto. 
Avvincente, commovente, profondo, da dieci e lode!!
Ely




giovedì 14 luglio 2016

"AS YOU WISH"


"AS YOU WISH"

William è un ragazzino solitario nell'America degli anni '40, il suo unico interesse sono i giochi all'aria aperta.
Almeno fino a quando non deve restare a letto diverse settimane per riprendersi dalla polmonite, e il padre cambia inconsapevolmente la sua esistenza leggendogli The Princess Bride, un classico per ragazzi in cui si narra la storia del Grande Amore tra Westley e Buttercup...

The Princess bride di William Goldman (tradotto in Italia da Sonzogno col titolo La storia fantastica, successivamente da Marcos y Marcos in La principessa sposa), viene considerato da tantissimi bibliofili come IL romanzo per ragazzi.
Vuoi per l’abilità nel far appassionare alla lettura chi vi si accosta per la prima volta, o per la capacità di non stancare mai... sta di fatto che chi l'ha iniziato in età scolare ha finito con l’innamorarsene. 
Gli ingredienti di questo successo sono molti: prima di tutto una trama fuori dai soliti canoni della favola classica, sviluppata in modo originale e divertente, successivamente dei personaggi irresistibili (il grande spadaccino Inigo Montoya, insieme a Fezzik, il gigante buono amante delle rime, sono rimasti nel cuore di molti) per finire con uno stile fluido, ritmato, ideale per attrarre l’attenzione. 
Però un adulto, cosa può trovare in questo lavoro, oltre a un po’ di sano divertimento? Sicuramente degli spunti di riflessione interessanti su come arte e vita, in un certo senso, si rincorrano. 
Perchè in fondo, l'avventura di William capace di trovare sé stesso e la felicità grazie all'amore per la narrativa, è la storia di migliaia di lettori, diventati poi scrittori, in giro per il mondo.
Soprattutto, viene fatto presente come la vita non debba essere per forza giusta, la maggior parte delle volte non lo è “E chiunque cerchi di convincervi del contrario sta solo cercando di vendervi qualcosa”.
Un romanzo leggero e godibile dunque, ma anche un piccolo assaggio di come vanno davvero le cose nel mondo.
Ely


lunedì 11 luglio 2016

SEMPRE PIÙ SOCIAL!!

SEMPRE PIÙ SOCIAL

Buon lunedì a tutti!!
Vi rubo solo qualche minuto per dirvi che Cioccolata di parole da oggi approda anche sui principali Social nell'ordine:

Facebook: https://www.facebook.com/cioccolatadiparole/?fref=ts
Instangram: cioccolata_di_parole
Tumblr: cioccolatadiparole
Twitter: Sanzetta

Aspetto i vostri contatti e like!!
Buona settimana a tutti.
Ely

domenica 10 luglio 2016

ANIMATO CON FUOCO


ANIMATO CON FUOCO

Alla morte della madre, Patrick lascia l’Italia e segue a San Francisco il ragazzo di cui si è innamorato. È felice, ha l’amore e un pianoforte da far cantare con le sue composizioni. Che cosa potrebbe desiderare, di più? Poi tutto precipita. L’amore si scioglie nel dolore, la musica nel silenzio. Ed è allora che incontra Jessica, sensuale, sofisticata e pericolosa. Non sa chi sia, perché parta spesso per un viaggio, in sella alla sua moto, e perché a volte sembri odiarlo. I suoi occhi gli ricordano quelli di una pantera inquieta e ne ha paura. Eppure, il loro legame si rafforza giorno dopo giorno e alla fine lei gli entra nell’anima, facendo crollare tutte le sue certezze. Quando lei decide di svelargli il dolore che dilania il suo passato, Patrick la segue in un viaggio da cui potrebbe non ritornare indietro. Perché niente è accaduto per caso, nella loro storia, e a poco a poco ogni tassello trova una spiegazione. Ma Patrick potrebbe arrendersi e rinunciare a lei proprio adesso, dopo essere precipitato all’inferno così tante volte? E Jessica avrà il coraggio di lasciarsi ogni cosa alle spalle, per iniziare una nuova vita con lui? Un insolito triangolo, un amore che va oltre ogni ragione. E sopra tutto, il canto incessante di un pianoforte davanti al mare.


A un'autrice in gamba come Federica Leva, Cioccolata di parole dedica sempre volentieri tempo e spazio.
Stavolta, sotto i riflettori c'è il suo ulimo lavoro, uscito appena tre giorni fa: Animato con fuoco
Un romanzo che, a giudicare dalla sinossi e dal campione è in grado di coniugare sapientemente Romance e Mystery, così come fluidità nello stile e spessore dei contenuti. 
Una lettura particolare e sfaccettata, meritevole di tempo e attenzione.
Ely

martedì 5 luglio 2016

E NAUFRAGAR M'È DOLCE IN QUESTO FANTASY CLASSICO...



E NAUFRAGAR M’E DOLCE IN QUESTO FANTASY CLASSICO…

La morte dello stregone Jorgoth ha gettato nel panico gli abitanti di Meina. 
A breve, i servi oscuri piomberanno su di loro per impossessarsi di un testo di magia estremamente prezioso, che lo stregone custodiva con particolare cura.
Milgar, giovane assistente del mago, viene  suo malgrado coinvolto in una spedizione per disfarsi del libro, finendo col restare invischiato in qualcosa di molto più grande di lui…


Il Fantasy Classico rappresenta spesso un’arma a doppio taglio per gli autori esordienti: se da una parte rimane un genere evergreen amatissimo dai lettori, dall’altra il rischio di scrivere storie banali è sempre in agguato. 
Per fortuna Raul Bini nel suo Il libro delle Magie Perdute: La Forza della Luce, sa bene ciò che fa.
Infatti, nonostante il romanzo presenti molti elementi classici (l’antieroe, il maestro buono e saggio...) ne contiene anche altri più innovativi, in grado di renderlo una lettura interessante ed avvincente.
La trama si sviluppa dall’inizio alla fine senza intoppi, sostenuta da uno stile fluido, di buon spessore, in grado di evocare immagini vivide senza essere pesante, o peggio, noioso. 
Il finale, forse un po’ agrodolce, resta comunque coerente allo spirito della storia, evitando di propinare al lettore un Happy Ending scontato e poco credibile. 
Un Fantasy con la F maiuscola dunque, a cui non manca nulla e che regala grandi soddisfazioni!!
Ely